LA MASCHERA DEL CONOSCI TE STESSO prima parte

Segue a “Cosa centra Socrate con la Tecnica Energo-Vibrazionale”

“l’immaginazione è più importante della conoscenza”

Questa frase non è stata pronunciata da un eminente artista ma dal fisico più conosciuto del mondo EINSTEIN.

La parola MAGIA dal greco. MEGEÍA deriva da MÀGOS mago,
Il primo atto magico del Mago è l’immaginazione, l’ideazione  la creazione, la configurazione di un immagine nel cervello, la scintilla che accende il fuoco sacro del nostro divenire.

Allora cosi per gioco, catapultiamoci nella culla dell’ antica Grecia in una giornata di sole primaverile, nell’ agora della città di Atene, dove due uomini tra gli schiamazzi dei mercanti e la polvere innalzata dal vento dialogano tra loro.

PLATONE : Maestro non posi  verso alcuno su pietra,
ma l’etere fu la carta dove scrissi il pensiero
che  prezioso nell’intimo mio risuona.
A te chiedo risposta .

SOCRATE : Ebbene Platone, ti ascolto.

PLATONE : Troppe  notti il cogitare confuso attese Aurora dalle rosee dita annunciare il carro del lucente Febo. Dalla finestra della mia stanza sull’acropoli di Atene l’Archegetes si  levava in volo dalle viscere marine di Neptunus, per tornare ancora una volta, con perpetua fede a illuminare il mondo con i suoi raggi. Mentre il buio e la luce si alternavano nel gioco terrestre del tempo, scandendo gli attimi del eterno ciclo della vita, la mente mi riportava ai nostri dialoghi con Fedone sulla natura dei contrari.
Se da ogni cosa nasce il suo opposto, ad esempio: se dal bello nasce il brutto, dal più veloce nasce il più lento o dalla morte nasce la vita e viceversa, potremmo affermare che anche dal divino insegnamento impartitoti sulle sacre vette di Delfi, il famoso Conosci Te Stesso nasconde in se occulto il suo opposto ?

 SOCRATE :Ciò che affermi Platone, corrisponde a verità, ogni cosa nasconde il suo contrario per essere tale, altrimenti sarebbe assoluta e non percepibile in questa dimensione, anche il Conosci Te Stesso.Ma delucidami Platone, cosa spinse il tuo intelletto a codesta conclusione ?

PLATONE :  Sommo sapiente fra gli uomini, fu proprio l’intelletto a trarmi in inganno nell’ applicare il tuo divino insegnamento. Ogni giorno analizzavo i miei reconditi pensieri, i miei impulsi, inibendoli alla cieca ragione. Le mie azioni diventavano costruite al punto tale da trasformarsi nei veli illusori a te tanto cari, che celano il raggiungimento della verità individuale.

SOCRATE : allievo mio prediletto, molti portano il tirso ma pochi sono i veri iniziati. Molti sono coloro che aderiscono al mio pensiero, ma pochi coloro che vi partecipano interiormente. La logica senza il sentire diventa un dogma imposto dalla  mente, una maschera per eludere il  vero intento. Mentre, se chiudessi gli occhi e lasciassi sussurrare all’orecchio il tuo demone, capiresti la reale essenza del tuo cosmo, frammento dell’ assoluto e il tuo agire sarebbe indirizzato verso la tua vera esigenza, non verso il surrogato di essa.

Se anche Platone si sbagliò, possiamo concederci anche noi il lusso di sbagliare senza che ciò intacchi la stima che abbiamo nei nostri confronti.

Nell’articolo precedente si è accennato a quanto fosse importante e inscindibile il processo d’ introspezione di se stessi,  applicata alla Tecnica-Energo Vibrazionale ed in qualsiasi forma di medicina o benessere.

Il conosci te stesso è il processo alchemico per eccellenza, usato dagli alchimisti per trasmutare il piombo in oro, ma non l’oro volgare inteso come  materia prima, ma bensì un oro molto più prezioso e raffinato, appunto, l’oro “alchemico” quello prodotto dal nostro sistema energetico.

I proverbi, come tutti gli antichi testi,  posseggono sempre più chiavi di lettura, dove si celano per chi sa coglierle, sfumature di somma sapienza.

Quante volte abbiamo sentito :

“il mattino ha l’oro in bocca”

Per chi pratica la TEV® o altre tecniche energetiche, sa bene che il proverbio potrebbe essere cambiato con il seguente :

“il mattino ha l’oro nel Dan Tien”

Per chi non ha mai sentito questo termine  “Dan tien” non è imprecazione o una parolaccia , ma un centro energetico che si trova all’incirca 3 dita sotto l’ombelico, di vitale importanza per il nostro organismo, basti pensare che i Guru e i  presunti maestri conservano gelosamente l’oro nel Dan Tien, perché a quanto sembra è considerato un un elisir di lunga vita. Comunque per approfondire l’argomento  potete documentarvi cliccando qui.

Questo processo di trasmutazione in cui il piombo è metafora di tutto ciò che blocca la produzione di oro ( cosa facevano gli alchimisti se non trasmutare il piombo in oro ? )paure, stati emotivi negativi, malattie, dubbi; avviene il “LINEA GENERALE”  quando i nostri centri energetici sono in equilibrio e sintonia tra di loro.

Cominciamo ad analizzarne due In particolare modo : il chakra Ajna situato tra le sopracciglia e il chakra della Corona Centrale localizzato nell’estremità del capo.

Copyright CRESS Autore: Roberto Zamperini

Il chakra della Corona Centrale è il collegamento con le nostre istanze superiori, regola e coordina il corpo calloso, lo stato Delta e sopratutto il DNA cellulare dove oltre ad essere scritto  di quale colore avrò gli occhi o i capelli, viene  elaborato il  nostro programma individuale, la nostra natura più profonda, la parte più sacra di noi stessi.

Copyright CRESS Autore: Roberto Zamperini

Il braccio destro del chakra della  Corona Centrale, l’esecutore, è il  centro energetico Ajna che  regola e coordina  i neuroni, lo stato beta, l’ipofisi e sopratutto l’RNA messaggero, dunque la nostra capacita di portare a compimento il nostro programma individuale.

Il rapporto tra questi due centri ci rilevano molte informazioni utili per il  lavoro del CTS.

Il CTS acronimo di Conosci Te Stesso, già di per se difficile, si complica quando il tutto deve essere scandagliato e approvato dall’inconscio.

Tutto ciò che non sale a livello di coscienza diventa destino.

Afferma Jung,  una  frase che racchiude un tesoro da scoprire.

Fatevi amico il vostro inconscio

consiglia Sonia Germani durante i corsi di Tecnica Energo-Vibrazionale, prezioso suggerimento.

Dunque imporci il fine di seguire a tutti i costi il CTS quando il nostro inconscio non è d’accordo è deleterio ed  anch’esso può diventare, come è accaduto a Platone nell’introduzione, la maschera dove nascondiamo ed evitiamo i nostri reali problemi.

L’illusione di seguire una via spirituale che ci porterà ad essere persone colme d’amore, illuminate dal raggio cosmico della sapienza delegando le nostre responsabilità, a chi ci vuol far credere che il mondo invisibile sia conforme alle loro regole, è una gabbia dove il pensiero esasperato, prima o poi  cercherà di evadere inviandoci messaggi d’aiuto, sotto forma di malattia.

Purtroppo l’inconscio non conosce regole o dogmi da seguire, e se le riconosce, lo fa per fare in modo che siano trasgredite, superate e comprese.

Tu hai veramente bisogno che ti sia detto come comportarti nella vita terrena per conquistarti un  posto in paradiso ?

Com’ e possibile smascherare l’inganno della nostra mente ?

Com’è possibile smascherare il nostro pensiero errato con il palming ?

Segue la seconda parte

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *